Giornale
Domenica 20 agosto 2017
|
Meteo
|
RSS-RDF
|
Scrivi
|
Pubblicità
|
Abbonamenti
|
Annunci
|
Privacy   Ricerca     Storico    Sito  
Notizie
per località
Diario Regione Piemonte
F.i.p.e.g.
Pdf
Cronaca

Pronto soccorso Omegna passa in gestione al Coq

Pronto soccorso Omegna passa in gestione al Coq

OMEGNA | 27/04/2017 — Le Direzioni generali dell’Asl Vco e del Coq (Centro ortopedico di quadrante) di Omegna informano in un comunicato stampa di aver raggiunto un accordo sulla gestione del Punto di Primo Intervento (PPI).
A far data 1° maggio 2017 la gestione viene trasferita progressivamente al Coq che garantirà il servizio attraverso proprio personale medico, infermieristico e assistenziale (9 unità complessivamente).
Il personale dell’Asl Vco che attualmente opera nel PPI svolgerà le proprie mansioni nei due Dea (Verbania e Domodossola).
La funzione del PPI rimane in capo all’Asl Vco per tutti gli aspetti clinico-organizzativi e procedurali proprie dell’attività di emergenza e Pronto soccorso nonché i rapporti operativi gestionali correlati all’attività svolta dal Servizio Emergenza Sanitaria Territoriale 118.

"L’Asl Vco - si legge - si avvarrà della maggiore diponibilità per le strutture Dea di Verbania e Domodossola per ridurre la cronica mancanza di personale, in particolare medico, che non si è riusciti a colmare nonostante i numerosi e reiterati concorsi svolti recentemente. La maggiore diponibilità permetterà, altresì, di limitare il ricorso alla collaborazione con il personale di altre Aziende sanitarie che ha permesso e garantito la continuazione del servizio.
Per lo svolgimento del servizio reso è stata stimata la cifra complessiva di € 550.000 che incrementa il budget del 2017 del Coq già previsto e pari a € 22.150.000".

La lente di Eco
03/02/2017 10:29 | Eco Risveglio. Ogni settimana in edicola. Il mercoledì l'edizione Verbano-Cusio. Il giovedì l'edizione Ossola. L'informazione locale dal 1946.

Tutte le fotonotizie

Diventa "fotoreporter", inviaci la tua fotonotizia a andrea.dallapina@ecorisveglio.it o attraverso WhatsApp al 3477149315